NP Nuovo Paradigma

Marta Palitto

( * )

Una meditazione per guarire la vita.

HOMEHome.html
chi sonoChi_sono.html
contatticontatti.html
dipintiDipinti.html
poesiePoesie.html
appuntamentiAppuntamenti.html
cantiCanti.html
conferenzeConferenze.html
linksLinks.html

cos’è NP

favoleFavole.html
commentiCommenti.html
Sessioni individuali o di gruppoSessioni.html
se sei daltonico...Daltonico.html
meditazioni guidateMeditazioni_guidate.html

La prima volta, quando ho ricevuto questa tecnica e l'ho provata, sono rimasta entusiasta. 

Allora ho chiesto alla mia guida interiore: "Come si chiama questa tecnica che mi hai donato?", e la risposta è stata: "Nuovo paradigma".

"Ma tutto è 'nuovo paradigma' ora…", ho protestato (sono una interlocutrice della mia guida un po' testarda, ho spesso da ridire e non sempre mi lascio convincere tanto facilmente).

"Appunto!", mi ha risposto con leggerezza e fermezza, come solo la sua energia sorridente in me sa confermare.


La parte che è difficile spiegare qui è come il mio EGO che aveva mille obiezioni contenute in quella iniziale protesta, si sia immediatamente chiarito e convinto. 

Perché io sapevo che tutti oggi nel mondo spirituale, (ma anche in altri ambiti come in Psicologia, Antropologia, Economia, Ecologia… seppure con diverse accezioni), tutti, dicevo, parlano di "Nuovo Paradigma" e "Nuova energia", partendo dai messaggi canalizzati di arcangeli e entità come Kryon, Metatron, Tobias, Ramtha… e altri, trasmessi da vari canali, per arrivare agli insegnamenti dei vari maestri del nostro tempo che ne parlano in libri e interventi di vario genere, come Eckhart Tolle, Salvatore Brizzi, … e tanti altri. Ora invece, dopo una tale risposta alla mia obiezione, mi pareva chiara l'appropriatezza del nome della tecnica. A quel punto mi sembrava anche ovvia e lampante la ragione per cui quel nome, nuovo paradigma, era di fatto giusto: era già tutto lì, non c'era niente di inedito,  tutto era già stato detto e ridetto… Solo c'era ora, con la nuova tecnica, questa possibilità di avere uno strumento per metterlo in pratica, un aiuto per entrarci, un sistema che ci conduce per mano, facendo da ponte fra il vecchio e il nuovo modo di percepire noi stessi e il mondo. 

E in me si è come squarciato un velo e tutto mi è apparso nella sua chiarezza e semplicità nell'arco temporale di un istante.

La prima volta che avevo sentito parlare di "Nuovo paradigma" era quando al liceo avevo incontrato Thomas Khun, studiando epistemologia… Lo so, è un parolone, ma si tratta di "filosofia della scienza", una roba interessantissima per incominciare a capire come ciò che consideriamo "realtà scientificamente provata", sia invece molto opinabile e da rimettere in discussione sotto svariati punti di vista. Chiunque sia interessato a esplorare questi temi potrebbe fare come me che all'epoca avevo letto il libriccino "Che cos'è questa scienza" di Alan F. Chalmers, ci troverà una panoramica interessante delle principali correnti di pensiero in proposito. Qui trovai quello che Khun sosteneva e che ora riprendo da Wikipedia:

 

 

 





Il nome

NP, dunque, sta per "Nuovo Paradigma", infatti è un approccio terapeutico che comporta una rivoluzione del nostro sistema di riferimento o credenze (paradigma) paragonabile alla rivoluzione copernicana. Questa rivoluzione è in atto a diversi livelli, in tutti i gli studi e le discipline spirituali della nuova era che stiamo vivendo.

La tecnica NP ha la particolarità di rendere fruibile questo spostamento di coscienza e di aiutare a "mettere in pratica"  su un piano materiale nozioni che alcuni di noi hanno acquisito su un piano mentale e a cui la maggior parte delle persone non riesce ad accedere*. L'evoluzione e la trasformazione diventano rapide e apprezzabili, e la tecnica, una volta appresa, ci rende indipendenti dal bisogno di un intermediario. Con la tecnica NP è possibile dialogare con il nostro inconscio, comprendere a fondo e integrare a livello cellulare questo cambiamento di punto di vista. Tutto ciò, ci libera progressivamente dai condizionamenti della cultura dominante che agiscono in noi e che impediscono un reale cambiamento nelle nostre vite, rendendoci vittime impotenti di fronte a ciò che riteniamo essere la nostra "dura realtà". NP, liberandoci dell'idea di un mondo esterno a noi indipendente e diviso, ci fa ritrovare al centro della nostra vita e rende accessibile e gioioso l'atto di trasformare le sfide del nostro percorso in opportunità di crescita spirituale e materiale.

NP ci consente di affrontare stati di ansia, stress, malattie, problemi relazionali e sociali, essendo un nuovo potente strumento energetico-vibrazionale che ci permette di cavalcare l'onda della nuova era.



* Quando normalmente crediamo di operare le nostre scelte, infatti, lo facciamo a livello della mente. A questo livello però non abbiamo la possibilità di "scegliere realmente", in quanto ciò che realmente crea è radicato sul piano inconscio. E’ qui che sono incrostati gli schemi energetici che determinano la risposta della nostra realtà, quello che ci succede nella vita, secondo la legge di attrazione. Così si manifesta spesso qualcosa che noi crediamo di non volere e di non aver coscientemente contribuito a creare. A questo punto ci sentiamo vittime di una realtà esterna a noi che vive secondo regole proprie a cui dobbiamo sottostare.

NP è un percorso di consapevolezza, un metodo di guarigione che agisce sui nostri campi energetici riallineando le frequenze che emettiamo nel nostro campo ai nostri propositi più elevati e in armonia con lo sviluppo della nostra anima.

Attraverso la visualizzazione, i simboli, il connetterci con l'emozione possiamo accedere al nostro inconscio più direttamente e trasformare gli schemi che sottostanno alle esperienze della nostra vita (se lo scegliamo).

Questo è un preciso impegno di evoluzione della nostra anima, un percorso di responsabilità di fronte allo specchio della nostra vita.

Oggi tutto chiede di essere riscoperto alla luce del nuovo paradigma e in ogni messaggio di evoluzione spirituale si troveranno tutte queste indicazioni, perché è giunta l'ora in cui possiamo conoscere noi stessi, ricordarci che siamo liberi, amarci e abbracciare quest'avventura di esseri incarnati con gioia, armonia e bellezza.

La tecnica

“Kuhn usò l'illusione ottica dell'anatra/coniglio per dimostrare come un cambio di paradigma può far sì che una persona veda la stessa informazione in un modo completamente diverso".

Questo suggeriva che vedere la stessa cosa da una diversa prospettiva potesse rivelarne una dimensione totalmente nuova… ma è meglio che qui faccia intervenire solo Wikipedia:

"Secondo Kuhn, siamo in presenza di una rivoluzione scientifica quando gli scienziati incontrano anomalie che non possono essere spiegate dai paradigmi universalmente accettati, all'interno dei quali s'era sviluppato il progresso scientifico. Il paradigma, nella visione di Kuhn, non è semplicemente la teoria corrente, ma l'intera visione del mondo nel quale la teoria esiste e tutte le implicazioni che ne derivino”.

(segue qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Cambiamento_di_paradigma).

Bene, questa tecnica che mi è stata donata, NP, è proprio utile per accompagnarci nella nuova visione del mondo che l'evoluzione della nostra coscienza ci chiede di integrare... e per insegnarci a esercitare il nostro diritto sacro di essere i creatori della nostra vita, ora.